Antibiotici & BPCO
GSK Infettivologia
Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Forum Infettivologico

Il Metoprololo può causare un declino precoce della funzione polmonare nei pazienti con BPCO


Un'analisi post-hoc dello studio BLOCK COPD ha mostrato che i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) hanno sperimentato riduzioni precoci, seppur modeste e non-persistenti, della funzione polmonare durante il trattamento con il beta-bloccante Metoprololo ( Lopresor, Seloken ).
Inoltre, la risposta al broncodilatatore [ FVC ] al basale prevedeva riacutizzazioni gravi / molto gravi nell'analisi aggiustata, ma non sono state riscontrate differenze tra il declino della funzione polmonare precoce o la risposta al broncodilatatore al basale e il rischio di riacutizzazioni confrontando il Metoprololo con il placebo.

L'aumento del rischio di riacutizzazioni gravi tra i pazienti trattati con Metoprololo rispetto ai pazienti trattati con placebo, aveva portato alla chiusura anticipata per futilità dello studio BLOCK COPD.

Per chiarire perché il Metoprololo non sia riuscito a prevenire le riacutizzazioni della BPCO, sono stati valutati 532 pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva di età compresa tra 40 e 85 anni trattati con Metoprololo ( n = 268 ) oppure placebo ( n = 264 ) per 336 giorni nello studio BLOCK COPD.
Sono stati misurati i cambiamenti di FEV1 ( volume di aria espirata nel primo secondo di una espirazione forzata ) e FVC ( capacità vitale forzata ) durante le visite dal basale al giorno 14, 28, 42, 112 e 336.

La variazione del valore assoluto di FEV1 non è risultata differente in base al trattamento durante lo studio, ma è stata osservata una diminuzione significativamente maggiore di FEV1 logaritmico nel gruppo Metoprololo rispetto al gruppo placebo dal basale al giorno 28, a 0.039 ( IC 95%, da -0.069 a -0.009 ).

Rispetto ai pazienti trattati con placebo, anche i pazienti trattati con Metoprololo hanno presentato un significativo declino assoluto della FVC pari a 67.2 ( IC 95%, da -128.7 a -5.8 ) dal basale al giorno 14, e 79.2 ( IC 95%, da -141.1 a -17.3 ) rispetto al basale al giorno 28.
Anche la FVC logaritmica è diminuita significativamente in questo gruppo di 0.032 ( IC 95%, da-0.061 a -0.003 ) dal basale al giorno 42 e di 0.031 ( IC 95%, da -0.061 a 0 ) dal basale al giorno 112.

I cambiamenti nella funzione polmonare fino al giorno 14 non hanno evidenziato una relazione tra il tipo di trattamento e il tempo di qualsiasi esacerbazione grave / molto grave.
Tuttavia è stato osservato che i pazienti con una risposta al broncodilatatore al basale avevano un più alto tasso non-aggiustato di 1.58 ( IC 95%, 1.01-2.45 ) e un più alto tasso aggiustato di 1.62 ( IC 95%, 1.04-2.48 ) di esacerbazioni gravi / molto gravi.

I risultati hanno evidenziato che la reattività ai broncodilatatori [ FVC ] può influire sul tasso di riacutizzazioni, indipendentemente dall'uso di Metoprololo, e può avere un ruolo nel determinare i fenotipi clinici. ( Xagena2022 )

Fonte: Annals of the American Thoracic Society, 2022

Pneumo2022 Farma2022



Indietro