Pneumobase.it
OncoPneumologia
Tumore polmone
Esmr

Marcatori sistemici di infiammazione nei fumatori con sintomi nonostante i dati spirometrici preservati


I sintomi respiratori cronici e gli eventi simili a esacerbazioni sono comuni tra i fumatori senza limitazione del flusso d'aria alla spirometria.
La patobiologia della malattia respiratoria in questo sottogruppo rimane scarsamente definita, ma può essere dovuta a una infiammazione alla base che si sovrappone alla broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) o all'asma.

Si è ipotizzato che i sintomi, le esacerbazioni e le misure funzionali della gravità della malattia tra i fumatori con spirometria conservata siano associati a marcatori di infiammazione sistemica, simili a quelli riportati nella vera BPCO, piuttosto che a una elevata infiammazione di tipo 2, che è spesso presente nell'asma.

Sono stati misurati i marcatori infiammatori associati a BPCO ( proteina C-reattiva [ CRP ], fibrinogeno, recettori del fattore di necrosi tumorale solubile [ sTNFRSF1A e sTNFRSF1B ] e neutrofili in sangue / espettorato ) e infiammazione di tipo 2 ( IgE ed eosinofili in sangue / espettorato ) nei fumatori con spirometria conservata ( FEV1 / FVC post-broncodilatatore maggiore o uguale a 0.70 ) dallo studio SPIROMICS ( Subpopulations and Intermediate Outcome Measures In COPD Study ).

È stata valutata la relazione di questi marcatori con il carico dei sintomi respiratori ( dicotomizzato da un cutoff del punteggio al test di valutazione della BPCO di 10, diagnosi di bronchite cronica ), esacerbazioni, distanza percorsa a piedi in 6 minuti e funzione polmonare secondo FEV1.

La CRP è stata associata a un aumento del carico di sintomi ( sulla base del punteggio del test di valutazione della BPCO e della diagnosi di bronchite cronica ) e a un maggior numero di esacerbazioni nell'anno precedente l'arruolamento nello studio.

sTNFRSF1A è stato associato a un carico di sintomi sulla base del punteggio del test di valutazione della BPCO.

I livelli di CRP e sTNFRSF1A sono risultati negativamente correlati con la distanza percorsa a piedi in 6 minuti.
Le immunoglobuline E ( IgE ) e gli eosinofili non sono risultati associati a questi esiti.

I marcatori di infiammazione che hanno incluso CRP e sTNFRSF1A risultano aumentati tra i fumatori sintomatici con spirometria conservata, suggerendo una sovrapposizione con la patofisiologia di base della BPCO. ( Xagena2019 )

Garudari S et al, Chest 2019; 155: 908-917

Pneumo2019



Indietro