Pneumobase.it
OncoPneumologia
Tumore polmone
Esmr

Terapia con corticosteroidi guidata da eosinofili nei pazienti ricoverati in ospedale con esacerbazione della BPCO: studio CORTICO-COP


I pazienti con fibrosi polmonare idiopatica ( IPF ) trattati con PRM-151, una proteina ricombinante umana pentraxina-2, in uno studio randomizzato controllato in doppio cieco di fase 2 avevano ridotto significativamente il declino in percentuale della capacità vitale forzata ( FVC ) predetta e avevano stabilizzato la distanza percorsa a piedi in 6 minuti rispetto al placebo in un periodo di 28 settimane.
Sono stati riportati i risultati a 76 settimane di uno studio di estensione in aperto.

I pazienti che hanno completato il periodo in doppio cieco di 28 settimane dello studio PRM-151-202 erano idonei a partecipare allo studio di estensione in aperto.
I pazienti precedentemente arruolati nel gruppo PRM-151 hanno continuato questo trattamento e quelli precedentemente nel gruppo placebo sono passati a PRM-151.

Tutti i pazienti hanno ricevuto PRM-151 in cicli di 28 settimane con dosi di carico di 10 mg/kg per 60 minuti di infusione endovenosa nei giorni 1, 3 e 5 nella prima settimana di ciascun ciclo seguite da una infusione di 10 mg/kg ogni 4 settimane.

L'obiettivo principale dello studio di estensione in aperto era valutare la sicurezza e la tollerabilità a lungo termine di PRM-151, esaminate analizzando gli eventi avversi fino alla settimana 76 in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di PRM-151 durante lo studio di estensione in aperto.

Le analisi di efficacia esplorativa sono state condotte valutando le variazioni rispetto al basale in percentuale della FVC predetta e della distanza percorsa a piedi in 6 minuti, con statistiche descrittive alla settimana 76 e con modelli misti di intercettazione casuale alla settimana 52.

Dei 116 pazienti che hanno completato il periodo di trattamento in doppio cieco, 111 sono entrati nello studio di estensione in aperto ( 74 del gruppo PRM-151 e 37 del gruppo placebo ).
84 pazienti su 111 ( 76% ) hanno ricevuto terapia concomitante per fibrosi polmonare idiopatica ( Pirfenidone n=55 o Nintedanib n=29 ).

Gli eventi avversi erano coerenti con le sequele di fibrosi polmonare idiopatica a lungo termine.
31 pazienti ( 28% ) hanno presentato eventi avversi gravi.

Gli eventi avversi verificatisi in due o più pazienti erano polmonite ( 6 su 111, 5% ), esacerbazione di fibrosi polmonare idiopatica ( 4, 4% ), progressione di fibrosi polmonare idiopatica ( 4, 4% ) e dolore toracico ( 2, 2% ).
21 pazienti ( 19% ) hanno manifestato eventi avversi gravi; esacerbazione e progressione di fibrosi polmonare idiopatica si sono verificate in 2 pazienti ( 2% ).
2 ( 2% ) pazienti hanno manifestato eventi avversi potenzialmente letali ( uno presentava polmonite e uno presentava uno stadio esteso di tumore polmonare a piccole cellule ).

È stato osservato un effetto terapeutico persistente per PRM-151 nei pazienti che hanno continuato il trattamento, con una diminuzione della percentuale di FVC predetta pari a −3.6% all'anno e nella distanza percorsa in 6 minuti a piedi di −10.5 m all'anno alla settimana 52.

Nei pazienti che hanno iniziato PRM-151 durante lo studio di estensione in aperto, rispetto alle pendenze osservate per il placebo, il declino si è ridotto nella percentuale di FVC predetta ( da −8.7% all'anno nelle settimane 0-28 a −0.9% all'anno nelle settimane 28-52, P minore di 0.0001 ) e nella distanza percorsa in 6 minuti a piedi ( da −54.9 m all'anno a −3.5 m all'anno, P=0.0224 ).

Il trattamento a lungo termine con PRM-151 è risultato ben tollerato e gli effetti sulla percentuale di FVC predetta e sulla distanza percorsa a piedi in 6 minuti erano persistenti alla continuazione e positivi nei pazienti che prima assumevano il placebo.
Questi risultati supportano ulteriori studi su PRM-151 in popolazioni più grandi di pazienti con fibrosi polmonare idiopatica. ( Xagena2019 )

Raghu G et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 657-664

Pneumo2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro